Cerca nel blog



UN CORDIALE BENVENUTO NEL SALOTTO VIRTUALE DEI CULTORI DELL'ICONOFILIA, LO STUDIO ED IL COLLEZIONISMO DEI SANTINI E DELLE ANTICHE IMMAGINI DEVOZIONALI





venerdì 3 dicembre 2010

Iconofilia e Cultura- La fama dei Remondini di Bassano partì un giorno lontano, a piedi, dalle Valli di Tesino e del Natisone




Sono le arbitrarie parzialità della Storia a tramandare ai posteri gloria e onore tributati a Imperatori, Re e Principi, scordandosi completamente di quelle interminabili liste afone e tristemente anonime di schiavi, operai e povera gente del popolo che con il sacrificio del duro lavoro hanno nel lento dispiegarsi del Tempo edificato Mausolei e dato lustro eterno a Città e a Popoli, intessendo silenziosi, pietra su pietra e passo dopo passo, le fitte e immortali trame dell'inestimabile Patrimonio della Cultura e della Tradizione.
L'economia essenziale ed austera di un territorio alpino paesaggisticamente unico nella sua bellezza ma dal carattere aspro e severo, in tempi controversi di concessioni imperiali pagate a caro prezzo da chi, nato in quelle terre e lì radicato fin dalle sue origini più antiche, per vivere- si, semplicemente per vivere- e per garantire una vita migliore ai propri figli e alle Famiglie si vide costretto a partire “con la cassela in spalla”, a piedi, in giro per il Mondo.

Si intitola così: “Con la cassela in spalla: gli ambulanti di Tesino”, la splendida Opera edita da Priuli & Verlucca Editori in Scarmagno (Torino)-1987-2008, della Dott.ssa Elda Fietta Ielen, fiera nipote di uno degli ultimi Ambulanti della Valle di Tesino, innamorato del proprio mestiere e discendente da quegli ancor più famosi Tesini che, sin dalla prima metà del secolo XVII, insieme alle pietre focaie di qualità superiore, prodotte in abbondanza nel territorio, portarono sulle spalle le colorate, bellissime stampe Remondiniane- religiose e a carattere profano- e sfidando l’ignoto in territori inesplorati e talvolta ostili, esposti ad ogni intemperia riposandosi dalle lunghissime marce su miseri giacigli di fortuna, fecero conoscere al mondo, fin nei più lontani e sperduti villaggi, Santi e Madonne tradizionalmente venerati dalla consuetudine Cristiana e non – unica consolazione e Speranza dei poveri a un’esistenza fatta di sofferenza e dure privazioni.


Ma la missione incarnata dai Tesini per un arco di tempo lungo quasi tre secoli - quasi per una sorta di superiore predestinazione- non si limitò alla vendita al dettaglio di risme popolari, carte da gioco, giuochi dell’oca, Bibbie e stampe devote provenienti dalla celebre Stamperia Bassanese; essi furono pionieri e orgogliosi testimoni viventi della Tradizione e della Cultura del Trentino Alto Adige e della presenza Italiana nel mondo, portando ovunque la loro contagiosa simpatia e, come ho amato più volte dire- facendosi ovunque amare per la semplicità che li contraddistinse e per la loro rara e schietta umanità.


Alcuni di loro tristemente si persero tra le nebbie di Paesi lontani non facendo più ritorno a casa nella Valle, altri tentarono la fortuna meritoriamente trovandola a latitudini remote, ma la maggior parte di loro, partiti poco più che bambini, tornarono alle vecchie case di Pieve, Cinte e Castello Tesino, con i capelli bianchi e un piccolo gruzzolo di denari- il loro tesoro- sempre poveri dopo una vita di sacrifici sì, ma immensamente ricchi di una vita vissuta intensamente, fatta di un raro e profondo senso di appartenenza comunitario e di rapporti umani autentici e indissolubili instaurati con genti lontane che avevano da loro imparato persino l’antico dialetto risonante da secoli nella Valle.

Un libro meraviglioso, corredato di un ingente repertorio documentale, fotografico e di iconografia devozionale assolutamente unico, che non può mancare sotto l’Albero di Natale degli Studiosi delle Tradizioni, così come in quello del colto Collezionista di Santini e Immagini dell’antica devozione popolare.

L’Opera della D.ssa Elda Fietta Ielen è uno dei libri più belli e umanamente coinvolgenti che io abbia mai letto; una perla unica e preziosissima della Letteratura Italiana moderna in cui, attraverso la storia dei Tesini, basata sulla laboriosa ed entusiasta attività di ricerca dell’Autrice, ancora palpitanti di autentica gioia di vivere risuonano le voci di tutti i grandi Tesini che diedero nel mondo intero fama immortale al nome dei Remondini di Bassano del Grappa.


L'Opera è disponibile presso la Casa Editrice: http://www.priulieverlucca.it/
Paola Galanzi



4 commenti:

  1. Rosina Llagarìa Vidal3 dicembre 2010 23:36

    Querida Paola,
    muchisimas gracias por toda la dedicacion que haces en tu estupendo Blog,y por todos los articulos tan interesantes que siempre tienes.
    Siempre estoy deseando verlos!
    Felicidades desde Espana,
    Rosina

    RispondiElimina
  2. Collezionista milanese5 dicembre 2010 15:35

    Ottima segnalazione, di gran livello.non mancherà sotto il mio albero di natale.
    Grazie a Paola e saluti
    Alberto

    RispondiElimina
  3. Salve Paola,
    già la tua recensione entusiasta sul libro dei Tesini ti prende e ti coinvolge,
    in più è senz'altro una garanzia e certamente lo acquisterò.
    Mi ha sempre interessato la vita di questi venditori della Tipografia Remondini e, tra l' altro, ha anche un prezzo di copertina onesto. Cordiali saluti,
    Lucio

    RispondiElimina
  4. Gent.ma Paola Galanzi,
    ho letto con piacere le sue gentili parole in merito al mio libro sui venditori di stampe Tesini , di cui la ringrazio sentitamente.
    Nessun capolavoro!
    E' la storia dei Tesini ad essere così speciale!
    Ho visitato il suo Blog e l'ho trovato ricco di informazioni e di argomenti interessanti e sono rimasta piacevolmente stupita di trovarci il mio libro e la sua recensione; la devo veramente ringraziare per la sua gentilezza e per la pubblicità!
    Per ora la ringrazio ancora e la saluto cordialmente.
    Elda Fietta

    RispondiElimina