Cerca nel blog



UN CORDIALE BENVENUTO NEL SALOTTO VIRTUALE DEI CULTORI DELL'ICONOFILIA, LO STUDIO ED IL COLLEZIONISMO DEI SANTINI E DELLE ANTICHE IMMAGINI DEVOZIONALI





domenica 15 aprile 2012

Iconofilia e Cultura: il raffinato Mondo delle siderografie di pizzo di Martin Hegewald a Praga nel secolo XIX


SANTA ELISABETTA

Meraviglioso Santino di pizzo con siderografia acquarellata a mano e lumeggiata con piccoli dettagli in prezioso oro zecchino.

Artista-Incisore: Martin Hegewald

Praga, prima metà secolo XIX

Collezione privata Galanzi



Originariamente provenienti dalla confinante Germania e, verosimilmente, da una non meglio specificata località della Cattolicissima Regione di Baviera, dalle antiche e documentate tradizioni calcografiche, note ed assai apprezzate nell'intera Europa centro-settentrionale e meridionale, l'antico ceppo degli Hegewald, prolifico e nomade (ragionevolmente per ragioni religiose) , trovò in Praga, già alla fine del secolo XVIII e per l'intera prima metà del successivo, ospitalità, pace ed Onore.


Sono, purtroppo- ed aggiungo inspiegabilmente, data la chiara fama e rara bellezza delle sue incisioni a carattere devoto- esigue e comunque frammentarie le notizie riguardanti questo importante Artista-Incisore e Stampatore.

Plausibilmente fu discendente di tale Zacharias Hegewald, stimato Pittore e Scultore operante in Germania nell'ultimo ventennio del secolo XVI, contemporaneo di Johannes Fischart, noto Dottore in Pandette e già futuro, inflessibile Magistrato di credo Protestante della città di Forbach, nella verde e bella Regione del Baden-Württemberg.

Zacharias Hegewald fu- suo malgrado- personalmente testimone oculare delle persecuzioni cosiddette "sante" contro streghe e fattucchiere, ree presunte di malie ed incantamenti, e per tali supposte ragioni processate sui due piedi e bruciate su roghi infernali allestiti nelle pubbliche piazze, e, soprattutto, fu figlio di un'epoca tanto controversa e difficile caratterizzata dai noti , sanguinosi scontri tra Cattolici e Protestanti.


Citato da Johannes Janssen (1829-1891), Sacerdote Cattolico e Storico, nella sua monumentale Opera Geschichte des deutschen Volkes seit dem Ausgang des Mittelalters -Storia del popolo Tedesco dalla fine del Medioevo- viene menzionato dallo stesso con compiaciuta e maligna ironia per il misero compenso di appena 6 talleri ricevuti per un lungo e faticoso lavoro di affreschi a carattere sacro eseguito per conto e commissione della Diocesi Luterana locale in varie Chiese del Baden-Württemberg.

L'autore , pur non palesandolo, esalta perfidamente in tal sede il sospetto di fede Protestante dell'Hegewald.

SANTA ELISABETTA- dettaglio


Presente la firma di Hegewald Martin- il più delle volte abbreviato a (Prag bej) M.Hegewald -documentatamente principalmente su incisioni su lastra in acciaio stampate su carta finemente trinata a punzone e a pressa, splendidamente e magistralmente colorate a mano e lumeggiate da preziose e rapide pennellate in oro zecchino, rappresenta oggi, data l'assai ardua ed infrequente reperibilità delle stesse sul Mercato Antiquario cartaceo internazionale, un'autentica rarità con notevoli quotazioni tra i 60 ed i 100 euro ed oltre.

Ricercatissime dai colti Cultori e Collezionisti di Immagini devote di Germania ed Austria, tali Immagini, dagli inconfondibili colori tenui e decisi al medesimo tempo, costituiscono, nel pur vasto e floridissimo panorama di produzione iconografica Sacra di Area Praghese, un unicum assolutamente prezioso ed originale.

Martin Hegewald
, probabilmente cittadino Praghese, svolse la sua attività di Incisore-Stampatore nell'antica Capitale Ceca tra il 1830 ed il 1850. (cfr. Eva Charvatova- SANTINI DI BOEMIA E MORAVIA, pag.138)

Queste le poche e lacunose notizie che attestano il suo passaggio nel meraviglioso Mondo della produzione di Immagini destinate alla Piétas popolare nel secolo XIX.

Contemporaneo di Josef e Leopold Koppe, Jan Pachmayer, Hora, Maulini e degli altri numerosi e noti Artisti-Incisori Praghesi, indubbiamente si distingue da tutti per la raffinata originalità e delicatezza del tratto abbinata alla cromia personalissima e distinta.


Paola Galanzi


1 commento:

  1. Come sempre un'ottima ricerca. Grazie per i tuoi preziosi contributi. Ciao Giancarlo

    RispondiElimina