Cerca nel blog



UN CORDIALE BENVENUTO NEL SALOTTO VIRTUALE DEI CULTORI DELL'ICONOFILIA, LO STUDIO ED IL COLLEZIONISMO DEI SANTINI E DELLE ANTICHE IMMAGINI DEVOZIONALI





giovedì 12 settembre 2013

Due Cuori uniti dal Cielo nel Sacro Vincolo del Matrimonio: un Manufatto inedito e rarissimo del secolo XVII

 
Il Sacro Vincolo del Matrimonio
 
Pregevolissimo Manufatto di provenienza conventuale: attento lavoro di ritaglio e decorazione con l'utilizzo di pigmenti naturali.
Area Lussemburghese, inizi della prima metà del secolo XVII
 
Collezione privata Galanzi ©
 
 
Non era noto alla grande Collezionista e Studiosa Dolores Sella (Arona 1918 -+ Lucca 2006), tanto che nella sua Opera-Capolavoro "Santini e Immagini devozionali in Europa dal secolo XVI al secolo XX"- vera "Bibbia" del Collezionista di Immagini devote Italiano- non ne fa menzione, pur nella variegata moltitudine di tipologie manufatte di provenienza conventuale sin dal secolo XVI ivi illustrate e successivi Santini prodotti meccanicamente per tutto il 1800 dalla folta schiera di Editori Francesi e del Centro-Europa; non lo cita l'illustre Studioso e Collezionista Prof. Dott. Adolf Spamer (Mainz, 10 Aprile 1883 -+ Dresda, 20 Giugno 1953), Etnologo e Antropologo di fama mondiale e appassionato Cultore di Tradizioni Popolari,  e nessuna Immagine devota similare che possa per significato intimo richiamarlo è contemplata tra le centinaia di Immagini sacre in bianco e nero e a colori a grandezza naturale presentate ai Cultori di Santini  Europei nelle ben 217 Tavole del suo Capolavoro letterario "Das kleine Andachtsbild vom XIV bis zum XX Jahrhundert" pubblicato, quale antesignana Opera dedicata allo studio approfondito della Genesi della Catechesi per immagini, nel 1950 a Monaco, in Baviera, regione Cattolicissima della Germania, già Patria dei più importanti e prolifici Incisori e Stampatori del secolo dei Lumi.
 
Di provenienza e manifattura esclusivamente e squisitamente conventuale, simile, almeno nell'impronta di base, ad un altro Santino realizzato a mano denominato "Guanto Spirituale" o "Mano di Dio" è noto e particolarmente ricercato dai Cultori e Collezionisti principalmente in Area Lussemburghese e Fiamminga.
 
Databile, orientativamente, del medesimo periodo storico delle suddette Immagini, il raro Manufatto che mi pregio oggi presentare in esclusiva inedita sul mio Blog è un Manufatto di Buon Augurio, un PEZZO UNICO di grande valore culturale, ispirato come idea dalla spiritualità Cristiana profonda e realizzato con rara abilità manuale e creativa da una Suorina che, nella quiete della sua cella, gli diede vita,  con materiali semplici- la carta a vergelle- e quattro pigmenti- il nero, il verde, il carminio ed il giallo- procurati da fiori e bacche immediatamente disponibili in Natura.
 
Fu un affettuoso ed assai prezioso Dono Beneaugurante che la Suorina, molto probabilmente, preparò con cura premurosa e materna per la sua nipote prediletta, nell'occasione unica e gioiosa dell'imminente suo Matrimonio.
 
 
Il Sacro Vincolo del Matrimonio- dettaglio
 
Essenziale ed assai semplice nel ritaglio, concentra tutto il suo elevato potere religioso e comunicativo nell'immediato eppur quasi fanciullesco richiamo simbolico alla "coniunctio dextrarum'  o "unione delle mani destre " e allo scambio delle fedi nuziali.
 
E' lo Spirito Santo, nelle tradizionali sembianze di colomba ferente nel becco il rametto fogliato di ulivo benedetto, simbolo Cristiano di Pace e di Unione, è Dio in Persona che, con i raggi benefici che si irradiano dal suo Amore, indissolubilmente unisce i due Sposi nel Sacro Vincolo del Matrimonio.
 
 
Il Matrimonio Romano
Museo di Capodimonte- Napoli
(fonte dell'immagine: Wikypedia)
 
Dell'Antichita' Classica, e Romana in particolare, lo Storico può rivivere in questo simbolismo abbozzato con così semplice schiettezza e quasi commossa partecipazione, l'antico Rito del Matrimonio in era pre-Cristiana: "l'unione delle destre" con invocata e presente tra i due Sposi Giunone Pronuba, a protezione della Sacra Unione.
 
Di notevole impatto emotivo per i destinatari, così intrise di una spiritualità sincera e sublime, le due didascalie manoscritte in grafia elegante e manierata presenti sull'Immagine devota: una, che come i chicchi di un antico Rosario quasi si snocciola -lenta e sequenziale- sulle cinque dita della mano, quasi invocativa della Protezione Divina sugli Sposi-
 
" Possano I Vostri dolci Raggi o Santo Amore- Dio- donare ai nostri Cuori la Vera Vita"
 
 l'altra augurale ed evocativa dell'antichissimo Rito originario:
 
" Il Cielo, per la loro Felicità, ha legato questi due Cuori"
.
Ecco che già il verbo preciso " lier"- legare in Lingua Francese- richiama chiaramente il Principio della Teologia Cattolica sull'indissolubilità del Matrimonio, così come espresso nel noto, bellissimo passo del Vangelo di Matteo:
 
" Non avete letto che il Creatore, al principio, creò l’uomo maschio e femmina e disse: "per questo l’uomo lascerà il padre e la madre e si unirà alla sua donna e i due saranno una sola carne. Non divida pertanto l’uomo quel che Dio ha congiunto” (Mt., XIX, 8-6) "
 
Il Manufatto è parte della mia privata Collezione, proveniente da un celebre Antiquario del Lussemburgo.
 
Data degli inizi della seconda metà del secolo XVII.
 
 
In occasione del recente Matrimonio celebrato nello splendore dell'antica Cattedrale Romanica di Follina (Treviso) dell'unica, amatissima figlia di un caro e stimato Amico Collezionista e Socio A.I.C.I.S., Mario Tasca, dedico a Cristiana ed al suo Sposo Stefano il mio articolo odierno con l'antico Augurio su esso scritto
 
"Possano I Suoi dolci Raggi o Santo Amore- Dio- donare ai Vostri Cuori la Vera Vita"

 
unito al mio personale Augurio di vero Cuore di una lunga Vita insieme con tutto ciò che insieme desiderate e tanta, tanta Felicità e.... liete Sorprese !
(anche per il commosso ma felicissimo Papà Mario, naturalmente !)
 
Paola Galanzi
 
NOTA: Il presente articolo, così come tutti gli articoli e le immagini di Santini postati a firma dell'Autore sono di sua esclusiva Proprietà intellettuale- © - TUTTI I DIRITTI RISERVATI- e legalmente protetti dalla Legge a protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio. (Legge 22 aprile 1941, n. 633). (Gazzetta Ufficiale del 16 luglio 1941, n. 166).
NON se ne autorizza pertanto a terzi alcun utilizzo, seppur parziale, e/o modificato in sede diversa dal presente Blog senza previo ed esplicito consenso  scritto dell'Autore.

6 commenti:

  1. Rosina Llagarìa Vidal- Collezionista e Socia A.I.C.I.S.13 settembre 2013 10:21

    Muy bonito,y enhorabuena a Mario por la boda de su hija,felicidades !

    RispondiElimina
  2. Agostino Sangiorgio- Collezionista e Socio A.I.C.I.S.13 settembre 2013 10:23

    Interessantissimo l'articolo. La ricerca, la passione, la competenza, fanno di Paola, e del suo blog un punto di riferimento per tutti noi. Brava Paola, complimenti!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Renzo Manfé- vice Presidente A.I.C.I.S.13 settembre 2013 10:25

    Paola, vieppiù continui a stupirci con una nuova chicca collezionistica particolare e meravigliosa.
    Non si finisce mai di apprendere ed attraverso il tuo blog tu continui a porgerci meraviglie uniche che oltre soddisfare gli occhi, arricchiscono il nostro sapere di questo meraviglioso mondo dei santini.
    Rinnovo il mio "grazie" sincero ed affettuoso.

    Un augurio vivissimo lancio da qui alla famiglia di Mario Tasca, da parte mia e di tutta l'AICIS, per il matrimonio di sua figlia Cristiana.
    Felicità e serenità perenne ai novelli sposi !

    RispondiElimina
  4. Collezionista milanese13 settembre 2013 20:15

    Superbe !
    i miei migliori auguri alla bella coppia di sposi novelli al fortunato papà Mario e un prosit sentito alla nostra incomparabile Paola per la sua eleganza nel narrare di antiche storie di santini
    Buona vita a tutti, Alberto

    RispondiElimina
  5. Federico Peiretti- Collezionista di Immagini devote15 settembre 2013 20:45

    Fantasticoo! Grazie mille Paola!!! :)

    RispondiElimina
  6. Mario Tasca- Collezionista e Socio A.I.C.I.S.21 ottobre 2013 15:56

    Unica ed inimitabile Paola, oltre che dotta e bravissima!

    Grazie di cuore per questo inaspettato e graditissimo omaggio

    alla mia Cristiana!

    Uno dei regali-sorpresa che gli sposi hanno ricevuto è stata la culla

    dove Cristi aveva trascorso i suoi primi mesi di vita!

    La culla in questi 35 anni di vita ha ospitato diversi pargoletti,

    figli di tre diverse coppie di nostri cari amici;

    nell'ordine: Agnese, Cecilia, il di lei fratellino Gioele e Giancarlo.

    I genitori di Giancarlo 6 anni fa', passarono poi la culla

    ad una coppia di loro vicini di casa

    e l'ultimo "abitante" è stato il piccolo Emiliano!

    Tornato in possesso della culla, il babbo di Giancarlo,

    innamorato dell'arte di lavorare il legno,

    ha profuso la sua abilità nel riportare

    all'originario splendore il piccolo guscio in cui

    già sei piccole anime hanno riposato, pianto e gioito!

    Una delle liete sorprese che tu auguri,

    spero possa essere il settimo abitante di quella culla che ci regalò

    una cara zia 36 anni fa': mio nipote!

    Egli (o ella) in quel piccolo riparo potrà ancora ritrovare,

    fra tante impronte, quella della sua mamma

    e sentirsi così più coccolato e sicuro!

    RispondiElimina