Cerca nel blog



UN CORDIALE BENVENUTO NEL SALOTTO VIRTUALE DEI CULTORI DELL'ICONOFILIA, LO STUDIO ED IL COLLEZIONISMO DEI SANTINI E DELLE ANTICHE IMMAGINI DEVOZIONALI





martedì 21 settembre 2010

Guida all’acquisto sicuro nel Mercato del Collezionismo dei Santini: attuali quotazioni e valore delle varie tipologie di Santini in Europa

Sancta Theresia et Sancta Clara
Rarissimo e straordinario canivet intagliato " au canif "su spessa pergamena, con coloritura a mano e lumeggiatura in prezioso oro zecchino.
Area claustrale Francese, inizi sec.XVIII
Collezione privata Galanzi

Lo spunto per questa “Guida on line”- semplice e di pronto uso- mi è stato fornito da Antonio, un neo-Collezionista di Santini e Immagini devozionali e Lettore ormai abituale del Blog; Antonio, un po’ perplesso e disorientato da prezzi e quotazioni personali che impazzano sul web- con particolare riferimento ai vari siti di vendite on line- mi ha contattato via e-mail chiedendomi: “Mi aiuti a conoscere il reale attuale valore e la relativa quotazione dei Santini in ambito del Mercato cartaceo Internazionale?”
Con piacere cercherò oggi di dare all’amico Antonio – con la speranza di fare cosa utile anche a tutti gli altri neo-Collezionisti del genere - le richieste delucidazioni ed informazioni.
Vostri interventi, notizie e pareri consoni all’argomento verranno da me pubblicati, andando naturalmente a completare tale “Guida on line del Collezionista di Santini e Immagini devozionali”.
Premetto doverosamente che è spesse volte il Collezionista a dare il valore-si badi che ho scritto “il valore” e non la reale quotazione- al “pezzo” prescelto, spinto dalle motivazioni più varie: perché è “l’ agognato pezzo mancante per completare la serie XY in Collezione", oppure, "per la bellezza straordinaria del manufatto e la sua particolare ricercatezza", o magari ancora, perché, "pur rientrando in una tipologia specifica già presente in Collezione in vari esemplari, esula per un qualche dettaglio dalla tipologia stessa", quasi creando un prezioso “unicum”, ben degno di essere ospitato con tutti gli onori nella Collezione.
Ma al di là delle personali emozioni che riesce un’Immagine devozionale di particolare pregio e bellezza- parametri questi, peraltro, sempre individuali e soggettivi - a suscitare nel sensibile cuore del Collezionista, inducendolo a valutare personalmente oltre ogni equa e oggettiva stima il “pezzo”, bisogna necessariamente imparare ad “autoregolare” tanto nobile entusiasmo, proprio per evitare, a compravendita oramai conclusa, di avere amare disillusioni; ecco che infatti il Santino acquistato pagandolo un occhio della testa presso il venditore XY nel mercatino YZ, lo ritroviamo IDENTICO nel sito ABC- magari anche in ben migliori condizioni di conservazione- proposto a meno della metà del caro prezzo da noi pagato; chi di noi non ha avuto almeno una volta nella storia della propria Collezione tale amara esperienza ?
Cercherò ora con ordine di individuare insieme alle principali tipologie di Santini e Immagini devozionali, la loro effettiva ed attuale quotazione, in linea con la media risultante da comparazione tra vendite effettive delle più note Case d’Asta Antiquarie Internazionali, mercatini vari e siti di compravendita sul web.

IL CANIVET e i MANUFATTI in generale
E’ qui d’obbligo, per onesta e trasparente informazione proprio ai Neofiti di questo genere collezionistico, fare subito una netta distinzione tra Canivet e, in generale, Santino e/o Immagine devozionale manufatti, su CARTA e su PERGAMENA; mentre infatti i primi (sia i Canivets che i Santini manufatti) detengono e mantengono stabilmente nell’intero panorama europeo del Mercato cartaceo antiquario, quotazioni che oscillano da un minimo di Euro 90-100 ad un massimo di Euro 150-220 per i più ricchi nell’intaglio e nella decorazione della miniatura centrale e, non per ultimo, nell’importantissimo stato di conservazione, i secondi, realizzati sulla nobile pergamena, oscillano attualmente tra quotazioni minime di Euro 150-200 fino ad Euro 2000 ed oltre, valore questo dettato anche dalla particolare rarità stabilita dalla difficoltà a reperire il pezzo in tutto il Mercato internazionale; un esempio valido a tal proposito è ben rappresentato dal rarissimo ed assai ricercato Canivet di provenienza claustrale a forma di ventaglio, di produzione tipicamente Francese dei secoli XVII e XVIII: un esemplare straordinario su pergamena di particolare bellezza e rarità, con due miniature, un intaglio particolarmente fine ed elaborato e una lumeggiatura realizzata nella tecnica cosiddetta “a conchiglia” in autentica polvere di oro zecchino, è stato nel mese di luglio battuto presso un’antica Casa d’Aste Antiquaria della Svizzera per Euro 2200.
Pezzi, come già detto, estremamente rari che con tutti i diritti possono considerarsi UNICI, proprio per la loro caratteristica saliente di MANUFATTI.

I ricercatissimi SANTJES (o SANCTJES): magistrali incisioni a bulino su rame su CARTA e su PERGAMENA delle Fiandre
Come già ben noto ai Collezionisti di vecchia data, databili dei secoli XVII e XVIII, amati ed assai ambiti, i Santi Fiamminghi meritano bene di essere inseriti tra i primi posti della graduatoria di quotazione; anche in questo caso è tuttavia importante stigmatizzare la differenza tra SANCTJES su CARTA e SANCTJES OP PERKAMENT, cioè su PERGAMENA. Mentre i primi affermano una quotazione europea tra un minimo di Euro 45-50 ed un massimo di Euro 70-90, i secondi, stampati e colorati a mano sulla pregiata pergamena, similmente agli anzidetti Canivets intagliati sulla medesima materia, vengono attualmente venduti quasi ovunque in Europa- eccezion fatta per i Mercatini locali del Belgio, dove ancora è possibile realizzare talvolta qualche autentico affare- con prezzi che mediamente, ma ancora una volta possiamo dire stabilmente, oscillano da un minimo di Euro 110-130 fino ad un massimo di Euro 500.

I raffinati Santini “merlettati” o “di pizzo” altrimenti detti, semi-manufatti della Francia Romantica del secolo XIX, ossia i Santi delle grandi Tipografie in accesa competizione tra loro nelle aree strategiche di Rue Saint Jacques et Rue Saint Sulpice a Parigi: Maison Basset, Jean, Pillot, Letaille, Dopter, Felix, Villemur, Vaurs, Bouasse-Lebel, Turgis,Bertin, Bes et Dubreuil, Pannier, Blot, Boumard, Chanson etc.
Particolarmente ricercati ed assai collezionati dai Collezionisti di tutta Europa, con il primato assoluto detenuto tuttavia saldamente dai Collezionisti Italiani, sono i "Santini di pizzo" alias "merlettati", propriamente semi-manufatti realizzati meccanicamente su carta a punzone e a pressa con bellissime siderografie centrali colorate a mano.
Tra questi, che rappresentano di fatto la grande, imbattibile, massiccia presenza sul Mercato cartaceo internazionale, vanno però segnalate all’ attenzione dei Collezionisti due grandi precisazioni: la prima-di natura per così dire “tecnica”- riguarda la netta distinzione esistente tra “Merlettati ” semplici e Santini della stessa famiglia noti ai Collezionisti con la denominazione francese di “Images pieuses à systéme”- ovvero dotate di un vero e proprio “sistema”compositivo e strutturale nella sfera innovativa ed originale del tridimensionale applicato al Santino, nell’ottica, come si è detto, estremamente competitiva tipica del mercato tipografico francese dell’epoca, atto ad attirare l’attenzione del fruitore o destinatario ultimo suscitando stupore e infantile meraviglia.
Ma cerchiamo ora di adentrarci più nel dettaglio nella tipologia dei “Santini di pizzo” o “merlettati”: tra essi, assai rari e attualmente particolarmente ricercati dai Collezionisti Francesi ed Italiani in particolare, sono i cosiddetti “Santini a teatrino”; tra gli esemplari noti ed attualmente in esposizione permanente nelle Sale di importanti Musei di Tradizioni popolari della Francia e del Belgio- ricordo qui ai Lettori il celebre Museo di Piconrue, nella Regione della Bastogne, in Belgio, la ricchezza ed il pregio della cui Collezione di Immagini devozionali ha permesso la realizzazione di un’importante Mostra cui è seguita la pubblicazione di un interessante Opera dal suggestivo titolo “IMAGIERS DE PARADIS-Images de la piété populaire du XVe au XXe siécle", Credit Communal, 1990
Si annoverano, tra questi, esemplari realizzati e firmati dalla celebre Maison Basset, Dopter, e dall’ancora più famosa, - grazie al meraviglioso libro-capolavoro dell’amico Flavio Cammarano e Aldo Florian “Santini e Storia di un Editore parigino. Maison Bouasse-Lebel”-Marene (CN), 2009- Maison Bouasse-Lebel; rari, anzi davvero rarissimi, tali straordinari Santini, realizzati su carta abilmente stratificata e quasi con talento ingegneristico collegata tra i vari livelli da geniali e originalissimi sistemi di linguelle a scomparsa, acquerellata a mano e resa incredibilmente unica e sorprendente dall’attento lavoro di collage di piccoli elementi decorativi d’oro e d’argento, muschio, carta di riso perfettamente plissettata e delicata polvere di vetrini iridescenti per conferire luce e splendore, hanno una quotazione molto alta, stimata attualmente tra i 150 e i 200 Euro.
I più modesti, anche se pur sempre preziosi e raffinati "Merlettati con siderografia centrale colorata a mano", sono attualmente quotati da un minimo di Euro 25-30 ad un massimo di Euro 45-80 per i più belli.
Decisamente inferiore la quotazione dei "Merlettati con siderografia in bianco e nero"; presenti ormai in quantità "industriali" sul Mercato Francese delle aste on line, vengono proposti a prezzi “stracciatissimi” a partire da appena 1 Euro e venduti a fine asta per pochi Euro: da 1 a 10-18 Euro al massimo.
Appartengono a questa medesima categoria i modelli più ricercati di Santini-Ricordo di Prima Comunione, nelle duplici versioni per Comunicanda e relativo simile al maschile.
La quotazione per tali Santini “Souvenir de Premiére Communion” è tuttavia decisamente inferiore ai "Santini a teatrino": dai 25 Euro per i merlettati semplici ai 120 Euro al massimo per i modelli tridimensionali di grandi dimensioni e assai più elaborati.
Cito, infine, gli amati “Santini su pasta d’ostia” o direttamente “su ostia”: doni semplici, simbolici di gratitudine e riconoscenza a generosi benefattori, di provenienza per lo più conventuale- eccezion fatta per gli esemplari prodotti dal secolo XIX fino agli inizi del successivo XX dagli Editori parigini Aubry, M.Genoux e lo stesso Emile Bouasse Jeune, rientranti nella tipologia dei SEMI-MANUFATTI, tali devote Immagini, celebranti ordinazioni sacerdotali, Prime Comunioni e diffusamente, anche messaggi amorosi o d’amicizia, sono oggi quotate da un minimo di 20-25 Euro per le meno elaborate fino a raggiungere un massimo di 40-50 Euro per le più belle, spesso impreziosite da raffinati collages di piccole scaglie di vera madreperla.

PRAGA e i Santini dei grandi incisori Praghesi e Boemi della prima metà del secolo XIX: Sigmund Rudl, Josef e Leopold Koppe, Maulini, Morak, Noworodhasky, Pachmayer, Pischel etc.
Maestosi , rari e apprezzati come i pregiati Boleti della flora boschiva, sono le bellissime incisioni al tratto e al puntinato e le xilografie acquerellate a mano, lumeggiate con rapide e precise pennellate d’oro e di lacca di cina, con i Santi più amati del Cristianesimo che si affacciano da eleganti bifore goticizzanti, preziosamente racchiusi entro cornici d’ oro pressato.
Sono i Santini firmati Rudl, Koppe, Maulini; i primi, insieme ai Koppe realizzati con figure in oro goffrate (cioè "in rilievo", sempre creati "a pressa") e con la nota ed immancabile tipica coloritura a mano, sono attualmente quotati da un minimo di Euro 70 fino ad un massimo di Euro 150-200, per i modelli ovviamente più elaborati ed esclusivi.

Martin Will, Josef Busch, Josef Kempter, Gleich, Grueber, Remele, Harrer, Klauber: le ammirate incisioni asburgiche del secolo XVIII
Mercato, questo, estremamente variabile: un’incisione firmata da Josef Busch su carta con coloritura a mano, va attualmente da un prezzo di Euro 45-50 nei noti siti di compravendita on line fino ai 250-300 Euro richiesti senza batter ciglio da privati Antiquari Italiani ed Europei; il “primato” del prezzo massimo va comunque agli Antiquari cartacei nazionali. Simile, pur se leggermente inferiore, la quotazione per “pezzi” firmati Kempter.
Decisamente più alte a livello internazionale- con particolare riferimento al Mercato Antiquario cartaceo Tedesco, Svizzero e Austriaco, i famosi e ricercati “SPICKEBILD” (ovvero “Immagine a strati”); particolarmente rari ed apprezzati sono quelli che recano la nota firma dell’incisore asburgico HARRER: le quotazioni attuali attribuiscono a tale originale tipologia, tipica e caratteristica del suddetto Incisore, un valore che si mantiene saldo tra gli 80 Euro e i 150-180 Euro per i modelli più raffinati e più riccamente decorati con le famose “METALFOLIE”, sottili lamine di metallo, dai caldi e caratteristici colori del rame, oro ed argento.
Ancora più rari dei precedenti e oramai esclusivo appannaggio di Collezioni Museali –ricordate il mio articolo sul WESTFRIES MUSEUM ?- sono infine le Immagini devote “habillées”(cioè “vestite”) con scampoli di preziosi broccati, di rasi, velluti e sete esclusive intessute di fili d’oro e d’ argento, spesso-per gli esemplari giunti incorrotti sino a noi- firmati dall’ incisore I.G.Grueber: uno di essi, di straordinario pregio e bellezza è stato battuto presso un’antica Casa d’Aste Tedesca per Euro 300.
In netto calo le incisioni Klauberiane, con quotazioni oscillanti al momento tra un valore MIN. di Euro 30 ed un MAX. di Euro 50.

SANTINI e IMMAGINI DEVOZIONALI Italiane dei secc. XVII-XVIII e XIX: bellissime xilografie e incisioni su rame e acciaio ancora poco conosciute e per questo troppo poco apprezzate: I Remondini di Bassano del Grappa, Luigi Agricola e i Santini dello “Stampa-Santi“ Agapito Franzetti a Torsanguigna a Roma
Ho citato solo due tra gli Stampatori Italiani più famosi e prolifici di belle e diffuse stampe devote. Attivi, il primo dal sec.XVII fino al 1860, il secondo dalla seconda metà del sec. XVIII al successivo.
I SANTI dei REMONDINI di Bassano- vedi miei due articoli e VIDEO qui sul Blog - sono come l’Araba Fenice: tutti ne parlano ma nessuno- o quasi….- li ha visti….eccezion fatta per i cari Amici Collezionisti Lucio e Patrizia che hanno avuto il privilegio di poterli ammirare in esposizione presso lo splendido MUSEO REMONDINI di Bassano del Grappa, insieme forse a qualche altro fortunato Collezionista che ha avuto modo di visitare il medesimo Museo.
Qualora esistessero ancora dei REMONDINI autentici in giro, ritengo – credo a giusta ragione- che i fortunati detentori li cederebbero sicuramente a cifre “da capogiro”, inaccessibili a noi comuni mortali….
Belle incisioni in bianco e nero a bulino ma per la maggior parte su lastra d’acciaio su spessa, bella carta vergellata, prodotte in numero alquanto considerevole di copie nel secolo XIX e recanti il nome dell’Artista-Incisore Romano Luigi Agricola e dello Stampatore Agapito Franzetti- che documentatamente ebbe tra l’altro frequenti rapporti di lavoro con gli illustri Stampatori Bassanesi- sono attualmente reperibili sul Mercato cartaceo nazionale ed Internazionale a costi piuttosto contenuti: da un minimo di Euro 15-18 ad un massimo di 80-110 Euro.

I SANTINI –ACQUEFORTI di Jacques Callot
Le acqueforti originali del Genio di Lorena sono – e comprensibilmente !- appannaggio rigorosamente esclusivo di Musei di Francia e d’America, con qualche pezzo notevole custodito in diversi Musei in Firenze.
Presenti e reperibili sul Mercato sono delle ristampe del sec.XVIII, ma soprattutto XIX: quotate da un minimo di Euro 40-45 ad un massimo di 80-100.


I deliziosi Santini manufatti raffiguranti GESU’ BAMBINO nel “porte-enfant” (Gesù Bambino in fasce) e GESU' FANCIULLO VESTITO: un’originale ed esclusiva creazione orgogliosamente Italiana nata dalla profonda devozione conventuale al Bambino Gesù dei secc. XVIII- XIX e XX
Amati, ricercati e super-collezionati: i Collezionisti Italiani partecipanti a qualche asta su siti on line difficilmente cedono a “colleghi” Europei un raro Santino di Gesù Bambino in fasce o Gesù Fanciullo vestito; manufatti con amorosa cura e molteplici e straordinarie tecniche applicate alla carta (il collage, il ritaglio, l’intaglio, la puntinatura ad ago), autentiche creazioni nate dall’Amore devoto e dalla spiritualità candida e semplice delle Suorine Italiane nei Conventi dei secc. XVIII-XIX e XX, i Santini del piccolo Gesù – sempre più rari e di esclusiva pertinenza del Mercato Antiquario cartaceo nazionale- detengono, con merito, ben salda una quotazione che va attualmente da un minimo di Euro 120-150 fino ad un massimo di Euro 180-250 per gli esemplari più preziosi e raffinati.
Le xilografie di EPINAL: bellissimi Santini singoli o intere, preziose PLANCHES di Santi e soggetti religiosi di Francia del secolo XIX
I Collezionisti Francesi e, a pari merito, quelli Italiani ne sono letteralmente affascinati; vuoi per le belle incisioni,vuoi per i colori particolarmente brillanti e vivi, così tipicamente caratterizzanti l'epoca e la città di produzione, EPINAL appunto, che da il nome a questa bella e distinta tipologia di Immagine devozionale.
Tra i vari Stampatori,operanti nella città suddetta per tutto il secolo XIX, il più famoso e degno di nota fu sicuramente PELLERIN; portano la sua firma famose PLANCHES ("tavole" di grandi dimensioni, con più soggetti sacri), stampate sulla caratteristica carta, particolarmente sottile e delicata anch'essa distintiva di uno stile che contrassegnò un'epoca della Francia.
Le attuali quotazioni del Mercato cartaceo internazionale- peraltro piuttosto instabili- stimano un Santino di produzione EPINAL dai 18-20 Euro fino ai 40-80 Euro e più, in base ai Santi o ai soggetti sacri ivi raffigurati, soprattutto se di particolare rarità.
Le MINIATURE: rare e museali Immagini devozionali di provenienza claustrale, manufatte su carta e su pergamena in area Europea nei secc. XVII e XVIII
Chi tra noi tutti non sogna di possedere almeno un Santo in Miniatura la cui bella e sorridente effige ci rassicura guardandoci benevola dalla pergamena o dalla carta colorata?
Alquanto rare in Italia ma normalmente presenti sul Mercato Antiquario cartaceo di Germania, Austria e Svizzera, le Immagini devozionali in Miniatura detengono quotazioni notevolmente alte: da un minimo di Euro 90-160 per quelle realizzate su base di carta vergellata, acquerellate a mano, ad un massimo di Euro 150-500 per quelle realizzate sulla preziosa pergamena e lumeggiate nei dettagli in pregiato oro zecchino.

I Santini con Reliquia “ex-indumentis
Molti sono i Collezionisti Italiani e Stranieri che collezionano i Santini con Reliquia ex-indumentis
Rarissimi gli esemplari realizzati manualmente in ambienti conventuali nei secc. XVII e XVIII, la cui quotazione è, comprovatamente agli esiti conclusivi di Aste Internazionali, fissa su valori dagli 80 ai 100 Euro in su, diversa e decisamente inferiore è l’attuale stima che fa il Mercato per la restante moltitudine di Santini di questa tipologia stampati nei secc. XIX e XX: da un minimo di 6-8 Euro ad un massimo di 30-40 Euro.

I LUTTINI
Particolarmente diffuso nel Belgio e nei Paesi Bassi il Collezionismo di LUTTINI; visitando le pagine in queste due nazioni riservate alla categoria specifica del Collezionismo di Santini in noti siti di aste on line ci si stupisce per il gran numero di luttini, dal secolo XIX fino ai giorni nostri, presenti su tali pagine e persino corredati di fotografia del defunto; personalmente non condivido l’ostentazione plateale della foto di un Caro estinto….ma al di là di miei personali e quindi opinabili pareri, andando a fondo nella ricerca delle radici di una simile usanza diffusa in particolare in questi due Paesi d’Europa, ho scoperto una cosa molto interessante: i Belgi e gli Olandesi collezionano Luttini per la ricerca delle proprie radici genealogiche: interessante e quantomeno lodevole, non trovate?
I LUTTINI occupano dunque nel Mercato Antiquario cartaceo di questi due Paesi Europei una fetta assai rilevante: le loro quotazioni vanno da pochi euro sino a 100-150 Euro per i più datati e lontani nel tempo.

Il trionfo delle CROMOLITOGRAFIE nei secc. XIX e XX: SANTA LEGA EUCARISTICA, i POCHOIR di GIOVANNI MESCHINI e le serie minori AR, Eb etc.

ANNUNCIO: Per queste Case Editrici, non essendone personalmente collezionista, sarò grata sin d’ora a qualche amico Collezionista “esperto” che possa a tutti fornire tali notizie, a completamento di questa carrellata di quotazioni che saranno sicuramente di utile orientamento agli amici neofiti.
....................


SCHEMA RIEPILOGATIVO DELLE QUOTAZIONI DELLE PRINCIPALI E PIU’ COLLEZIONATE TIPOLOGIE DI SANTINI ED IMMAGINI DEVOZIONALI CONFORME ALL’ATTUALE ED EFFETTIVO ANDAMENTO DEL MERCATO ANTIQUARIO CARTACEO INTERNAZIONALE
(RILEVAZIONI RELATIVE A ITALIA ED EUROPA)
N.B. QUALUNQUE VARIAZIONE NELLA QUOTAZIONE VERRA' IN QUESTO SCHEMA AGGIORNATA DIPENDENTEMENTE DALLE NUOVE RILEVAZIONI E TENDENZE DEL MERCATO CARTACEO ANTIQUARIO INTERNAZIONALE.
  • CANIVET intagliati “au canif” e Santini e/o Immagini devozionali MANUFATTE SU CARTA : MIN: € 90/100 MAX: € 150/220
  • CANIVET intagliati “ au canif” e Santini e/o Immagini devozionali MANUFATTE SU PERGAMENA: MIN: € 150/200 MAX: € 2000 <
  • INCISIONI FIAMMINGHE SU CARTA- MIN: € 45/50 MAX: 70/90
  • INCISIONI FIAMMINGHE SU PERGAMENA- MIN: € 110/130 MAX: € 500>
  • SANTINI A TEATRINO e comunque SANTINI “A SYSTEME” (vedi descrizione)-MIN: €150 MAX: 180/ € 200
  • SANTINI “MERLETTATI” O “DI PIZZO” altrimenti detti: con siderografia COLORATA A MANO - MIN: € 25/30 MAX: € 45/80
  • SANTINI “MERLETTATI” o “DI PIZZO” altrimenti detti: con siderografia IN BIANCO E NERO- MIN: € 1/7 MAX: € 10/18
  • SANTINI-RICORDO DI PRIMA COMUNIONE- MIN: € 25 MAX: € 120
  • SANTINI SU PASTA D’ OSTIA o SU OSTIA – MIN: € 20/25 MAX: € 40/50
  • SANTINI PRAGHESI: INCISIONI E XILOGRAFIE SEMPLICI - MIN: € 18/25 MAX: € 40/45
  • SANTINI PRAGHESI: CORNICI ED ELEMENTI IN ORO A PRESSA- MIN: € 70 MAX: € 150/200
  • INCISIONI ASBURGICHE-MIN: € 45/50 MAX: € 250/300
  • SPICKEBILDER- (firmate da J.HARRER A.V.)- MIN: € 80 MAX: 150/180
  • INCISIONI FIRMATE KLAUBER, A.V.- MIN: € 30 MAX: € 50
  • INCISIONI ASBURGICHE “VESTITE”(firmate da GRUEBER, A.V.)- MIN: € 150 MAX: € 230/300
  • SANTINI REMONDINIANI- MIN: NC MAX: NC
  • INCISIONI ITALIANE SU RAME E/O ACCIAIO SECC. XVIII-XIX- MIN: 15/18 MAX: 80/110
  • SANTINI –ACQUEFORTI DI JACQUES CALLOT-
  • ORIGINALI: MIN: NC MAX: NC
  • RISTAMPE DA LASTRA ORIGINALE SU RAME DEI SECC. XVIII E XIX- MIN: € 40 MAX: € 80/100
  • GESU’ BAMBINO MANUFATTO NEL “PORTE-ENFANT”o GESU' FANCIULLO VESTITO- MIN: € 120/150 MAX: 180/250
  • XILOGRAFIE DI EPINAL (FRANCIA)- MIN: € 18- 20 MAX: € 40-80<
  • MINIATURE-SU CARTA- MIN: € 90 MAX: € 160
  • MINIATURE SU PERGAMENA- MIN: € 150 MAX: € 500
  • SANTINI CON RELIQUIA (FIORI O PICCOLI PEZZETTINI DI STOFFA “EX-INDUMENTIS”)- MIN: € 6/8 MAX: € 30/40
  • LUTTINI-MIN: € 6/10 MAX: € 100/150 (TALE QUOTAZIONE E’ RELATIVA ALL’ATTUALE MERCATO DI BELGIO E PAESI BASSI) –
  • QUOTAZIONE IN ITALIA: NC
  • CROMOLITOGRAFIE SANTA LEGA EUCARISTICA, SANTINI “POCHOIR” FIRMATI GIOVANNI MESCHINI, AR, EB, ETC. : IN SOSPESO

Paola Galanzi

7 commenti:

  1. Carissima Paola
    innanzitutto bentornata, ci mancava molto il fatto di leggere le tue fantastiche e approfondite notizie sui Santini.
    Questa tua ultima è molto interessante e sicuramente utile ai nuovi Collezionisti (che spero non si spaventino dei prezzi) ma anche per noi che portiamo avanti questa meravigliosa passione da tanti anni.
    Ogni tanto leggere delle informazioni che riguardano ciò che collezioniamo fa piacere.
    Attualmente sto ricatalogando tutta la Biblioteca e perciò leggerò ciò che scrivi ma non potrò partecipare molto al dibattito, cercherò di trovare ogni tanto (nelle pause)il tempo di un saluto e di un commento.
    Un caro abbraccio

    Stefano Fasoli

    RispondiElimina
  2. Grande Paola !
    Grazie !!!
    Antonio

    RispondiElimina
  3. Gregorio Giarrusso25 settembre 2010 12:03

    Salve,
    Complimentoni per il Sito , davvero interessante. E' un punto di riferimento per i Collezionisti dei Santini.
    Tantissimi saluti da Gregorio

    RispondiElimina
  4. I must digg your post so more people can look at it, very useful, I had a tough time finding the results searching on the web, thanks.- Norman

    RispondiElimina
  5. Un Collezionista Italiano12 ottobre 2010 07:33

    Buonasera Paola,
    trovo questo tuo post interessante e un buon strumento indicativo per i collezionisti, sia per la suddivisione che hai fatto sia per la veridicità delle valutazioni attualmente vigenti sul Mercato Antiquario cartaceo italiano ed europeo. Cerco sempre di leggere le nuove pubblicazioni sul tuo Blog, che trovo molto interessanti e piacevoli e sempre piene di saggezza e conoscenza sul mondo meraviglioso dei santini,grazie!
    Purtroppo il tempo tiranno non mi permette di fare di più.
    Buona serata e a presto risentirci,

    RispondiElimina
  6. Silvia Lancellotti7 dicembre 2010 21:44

    Buona sera Paola,
    sono Silvia Lancellotti e sono iscritta all'AICIS.
    Ho trovato molto interssante l'articolo, dà un'idea del prezzo più o meno "giusto" per ogni tipo di immaginetta.
    Sono appena tornata da Vienna e devo dire che i prezzi sono lievitati notevolmente e purtroppo qualche commerciante fa ancora i prezzi "ad occhio" sia sull'immaginetta che sul cliente.
    Per quel che riguarda i luttini, a me piace collezionarli e devo dire che a parte il Belgio ne ho trovato di bellissimi e particolari in Spagna.

    RispondiElimina
  7. Buona sera Paola ricevo volentieri tue notizie
    e trovo sempre notevoli le tue iniziative.
    Spero di reincontrarti presto magari a Pieve di Cento il 7 maggio, dove mi dicono alcuni commercianti che porteranno cose bellissime.
    Saluti Antonio Michelazzo.

    RispondiElimina