Cerca nel blog



UN CORDIALE BENVENUTO NEL SALOTTO VIRTUALE DEI CULTORI DELL'ICONOFILIA, LO STUDIO ED IL COLLEZIONISMO DEI SANTINI E DELLE ANTICHE IMMAGINI DEVOZIONALI





lunedì 17 gennaio 2011

Collezionismo di Santini e Cultura: La Società Litoleografica San Giuseppe di Modena


L'Opera dedicata dallo Studioso e Collezionista Giorgio Leonardi alla celebre Società Litoleografica San Giuseppe, vanto e fiore all'occhiello della città di Modena nella produzione di originali e bellissimi Santini sin dal 1857.


Nell'articolato scenario sociale tipicamente innovativo e di diffuso rinnovamento caratterizzante in Europa il secolo XIX, ed in particolare la sua seconda metà, porto oggi all’attenzione dei Collezionisti e dei Lettori del Blog un’importante Casa Editrice italiana, nata a Modena nel 1857 da una brillante idea e per entusiastica iniziativa di un Sacerdote, Monsignor Luigi Della Valle (Modena,1829-1899): La Società Litoleografica San Giuseppe, produttrice di fortunati, ed oggi assai ricercati e collezionati, Santini.

Grazie alla ricerca paziente ed appassionata di Giorgio Leonardi, Collezionista e Studioso della storia, lunga quasi sei decenni, della prospera Casa Editrice modenese, nel 1999, in concomitanza con la Mostra di Santini, allestita dalla Parrocchia e dal Comune di Spilamberto (Modena) ridente comune sulla riva sinistra del Panaro, presso l’elegante Villa Fabriani, signorile residenza dell’omonima Famiglia spilambertese nei secc.XVIII e XIX, (oggi sede della Consorteria dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Spilamberto e del Museo del Balsamico Tradizionale) e in memoria del Centenario della morte di Monsignor Luigi Della Valle, venne da lui scritta e pubblicata una piccola ma assai interessante Guida commemorativa della fiorente Società Litoleografica San Giuseppe e del suo Fondatore; in essa si dipana, precisa e dettagliata, l’ avventura tipografica di successo dei Santini, originali e veramente belli e curati fin nei più piccoli particolari, dal 1867 fino all’anno 1924 circa.

La diffusione della stampa Cattolica e l’apostolato attraverso le Sacre Immagini, così come secondo il vivo desiderio espresso allora dal Santo Padre Papa Pio IX (Senigallia,1792-Roma,1878), furono lo spirito vitale che animò, sin dalla sua fondazione nel 1857, l’originaria Tipografia Immacolata Concezione, con sede al civico 10 della storica Via dei Servi, ben cara nel cuore di tutti i Modenesi.

I Santini o devote Immagini di Modena, presto famose e diffuse in tutta Italia, inizialmente nate come semplici incisioni e litografie monocromatiche presso la Tipografia Immacolata Concezione, con l’avvento della Litoleografia San Giuseppe, secondo l’attenta ricostruzione dell’Autore Giorgio Leonardi avvenuta circa un decennio dopo, ovvero nel 1867, grazie allo spiccato e fine senso artistico del Fondatore, s’impreziosirono di eleganti dettagli in oro zecchino, ricche decorazioni floreali, raffinate ghirlande e preziose fotografie di assai piccole dimensioni, spesso tagliate in ovale, celebranti i Santi ed i Martiri più venerati, già destinatari d’invocazioni e sentite preghiere provenienti dalla sincera devozione popolare.
Tra questi vi è San Giuseppe, Santo Genitore di Gesù, cui Monsignor Della Valle devotamente dedicherà la sua Società Litoleografica.

Ma in cosa consistette la nuova tecnica tipografica dell’oleografia e quali nuovi elementi introdusse nella stampa dei Santini e delle belle Immagini divote modenesi?

Il termine racchiude le due parole oleo- dal latino oleum- olio- e grafia- dal greco antico graphèin, scrivere, dipingere- e caratterizza distintamente il nuovo e rivoluzionario processo di stampa cromolitografica su carta (così come su tela) imitante la pittura ad olio, consistente nell’applicazione di diversi colori a consistenza grassa sull’immagine precedentemente incisa su pietra granita, in seguito impressa sulla carta, nato appunto intorno alla seconda metà del sec.XIX e rapidamente diffusosi presso le più importanti Case Tipografiche delle principali capitali d’Europa, sedi di già noti Editori di Santini e Immagini devozionali di Fede Cattolica, dall'antica e consolidata fama e tradizione.

Di notevole impatto visivo, i Santini litoleografici della Società San Giuseppe di Modena, egregiamente assolsero, in epoca di grave ed assai diffuso analfabetismo, alla fondamentale necessità di portare in tutte le case, nei villaggi e fin nelle più remote campagne, il Vangelo per immagini e i modelli sublimi delle Vite dei Martiri e dei Santi del Cristianesimo, rappresentando e- sin dalle origini, con i primi Santi in xilografia databili del sec.XV - riconfermando la loro alta e indiscussa validità di basilare strumento didattico-pedagogico nella formazione del Cristiano.


Sant'Ignazio di Loyola

Tipico Santino di produzione della Società Litoleografica San Giuseppe di Modena.

Caratteristici ed assai raffinati i delicati dettagli in oro zecchino e le belle decorazioni floreali che fungono da cornice alla suggestiva, piccola fotografia del Santo.

Al verso è presente una preghiera per invocare l'intercessione del Santo a protezione "SPECIALMENTE CONTRO IL COLERA"; nel recitarla, si consiglia inoltre :"A FAR USO DELL'ACQUA BENEDETTA COLLA RELIQUIA DEL SANTO".

Italia, seconda metà sec.XIX

Collezione privata Galanzi


Realizzate a catalogo e su commissione- secondo un ben consolidato schema organizzativo comune sin dal sec.XVIII a tutte le più importanti Stamperie di Santini e Immagini devozionali d’Italia e d’Europa- le belle sacre Immagini della Società Litoleografica San Giuseppe di Modena accompagneranno i devoti nelle loro preghiere fino all’anno 1924 circa, così come documentato dall’ interessante lavoro di ricerca condotta con passione da Giorgio Leonardi.

L’Opera da lui scritta- la copertina è raffigurata nell’immagine in alto corredata al presente articolo- consta di 32 pagine, arricchite da una ricca e bellissima selezione di Santini policromi esclusivamente tipici della Casa Editrice suddetta, con gusto raffinato e scrupolosa ricostruzione storica, personalmente curata dall’Autore.

Chi tra Voi è interessato potrà richiederne copia, per la modica cifra di Euro 5, direttamente alla Casa Editrice Edizioni Il Fiorino di Modena che ne ha realizzato la pubblicazione: http://www.edizioniilfiorino.com/

Consentitemi solo un piccolo consiglio, per non perdervi all'interno del Sito: dopo aver effettuato il log-in, in alto a sx, alla voce CATEGORIE cliccate sulla prima voce: Storia Locale: il testo è disponibile nella seconda pagina di questa sezione.

Paola Galanzi

2 commenti:

  1. Con molta attenzione e vivo interesse ho letto questo articolo -documento storico perfetto- sulla importante opera della Soc. Lit. S. Giuseppe, e del suo fondatore Mons.Della Valle, insigne concittadino.
    Di questo Editore ho da sempre apprezzato la raffinata fattura dei Santini che per i delicati motivi floreali, l'accuratezza del disegno e della qualità di stampa ho giudicato di grande valore artistico, superiore a tanti altri diffusi dalle Stamperie del tempo.
    Credo-purtroppo- non abbiano ciononostante, tra i Collezionisti, il meritato apprezzamento.
    Paola un grazie per questo omaggio che hai dedicato alla mia terra-l'Emilia- riportando un frammento della sua Storia.
    Un cordiale saluto,
    Lucio

    RispondiElimina
  2. Carluccio Frison11 febbraio 2011 23:14

    Cara Paola,
    ho letto con piacere questo tuo post sulla S.Giuseppe di Modena, di cui anch'io ricerco la produzione (tra un S.Carlo e una Sant'Angela!) ...
    A proposito, mio piccolo gruccio: dovrebbe esistere un S.Carlo della S.Giuseppe: non sono ancora riuscito a trovarlo!

    RispondiElimina