Cerca nel blog



UN CORDIALE BENVENUTO NEL SALOTTO VIRTUALE DEI CULTORI DELL'ICONOFILIA, LO STUDIO ED IL COLLEZIONISMO DEI SANTINI E DELLE ANTICHE IMMAGINI DEVOZIONALI





domenica 3 luglio 2016

ICONOFILIA-DEVOZIONE MARIANA-FEDE-STORIA-TRADIZIONE-CULTURA: LA MADONNA DELLA MARINA IN S.BENEDETTO DEL TRONTO-ASCOLI PICENO


Il progetto iniziale della chiesa risale alla prima metà dell'Ottocento, opera dell'architetto bolognese Gaetano Ferri
Il protrarsi dei lavori, iniziati nel 1847 obbligarono a successivi interventi progettuali e a diverse modifiche delle intenzioni originarie. 
La chiesa fu benedetta e aperta al pubblico nel 1908, benché i lavori non fossero ancora ultimati. 
Sono nel dopoguerra si portarono a termine la gradinata esterna e la facciata in travertino; l'edificio fu solennemente consacrato l'11 febbraio 1973.

All'interno la chiesa è a tre navate. 
L'abside è stata decorata dall'artista francescano, padre Ugolino da Belluno, con un affresco che richiama le tradizioni marinare della città, assieme alla raffigurazione di santi locali. 

Sempre nell'abside è collocata una tela settecentesca raffigurante una Vergine col bambino

Nel 1986 la chiesa diveniva la nuova cattedrale della Diocesi di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto

È stata insignita nel 2001 del titolo di Basilica minore.

In essa sono servate le reliquie dei patroni cittadini, i santi Urbica e Illuminato.

Di grande interesse il monumentale organo proveniente dalla Basilica di Loreto che contiene nel grande organo le canne dell'organo Callido del 1802, ricostruito da Vegezzi Bossi e successivamente nel 50 da Balbiani di Milano. 
Nel 1991, dopo la soppressione dal Santuario (l'organo era stato smantellato perché ritenuto un rottame), è stato restaurato e ricomposto nella cattedrale, ricostruite numerose parti mancanti sparite dopo la demolizione e ampliato grazie all'intervento del maestro Organaro Alessandro Girotto che, dopo averlo acquistato, unitamente al parroco don Paolo Civardi mise in comodato d'uso alla cattedrale.
I concerti inaugurali furono tenuti dei Maestri Giancarlo Parodi, Donato Cuzzato e Antonio Palcich
Da annotare che esisteva in cattedrale prima in cantoria e successivamente trasportato sul transetto destro occupato ora dall'imponente organo, un vecchio organo costruito da Sebastiano Vici di Montecarotto nel 1850 circa, ora conservato nella chiesa Parrocchiale Regina Pacis di Centobuchi.

 

Paola Galanzi

Nessun commento:

Posta un commento