Cerca nel blog



UN CORDIALE BENVENUTO NEL SALOTTO VIRTUALE DEI CULTORI DELL'ICONOFILIA, LO STUDIO ED IL COLLEZIONISMO DEI SANTINI E DELLE ANTICHE IMMAGINI DEVOZIONALI





martedì 30 marzo 2010

La Passione e La Resurrezione di N.S. Gesù Cristo a perenne Ricordo incise su pergamena nelle Fiandre del sec. XVII


" Ecce Homo ! "
Magistrale incisione a bulino su pergamena realizzata con la spettacolare tecnica detta "Goldpapiersterne". Coloritura a mano e lumeggiatura in oro coeve. Incisore: Petrus Clouwet, Anversa, sec. XVII.
(Collezione privata Lucio e Patrizia Grandi)


Il fascino dell‘ inestimabile Patrimonio Religioso, Storico-artistico e Culturale della produzione dei Santini e delle Immagini devozionali dimora nel fatto che essa rappresenta dalle origini e nei secoli un “unicum“ multiforme ed eclettico -e perciò oltremodo stimolante e prezioso- senza tuttavia soluzione di continuità sino ai giorni nostri.
E‘ infatti impensabile parlare di un' incisione fiamminga a bulino su pergamena del sec. XVII senza citare con la consapevole, dovuta deferenza documenti dell‘ Iconografia religiosa ben più antichi siglati dall‘uomo sulla stessa preziosa materia.
Nell‘ammirare in silenzioso raccoglimento un Immagine devozionale di siffatto pregio e bellezza come l‘ “Ecce Homo“ amabilmente messa a disposizione dai finissimi Collezionisti ed amici Lucio e Patrizia il pensiero vola istintivamente nelle Fiandre, ma stante quanto avanti premesso non possiamo prima esimerci dal porgere il nostro orecchio allo Spamer- nostro indiscusso “Maestro“- che premurosamente ci informa di esemplari di Santini manufatti su pergamena databili di ben tre secoli prima.
E‘grazie infatti ad un carteggio privato dipanatosi con costante assiduità lungo uno spazio temporale di circa venti anni -rappresentante il più antico capolavoro letterario di Misticismo in forma epistolare in lingua volgare Tedesca giunto sino a noi- tra la più illustre Domenicana del Convento di Maria Medingen presso Donau in Baviera - Suor Margaretha Ebner (1291-1351) ed il suo più caro e fraterno amico, il Sacerdote e Predicatore Heinrich von Nördlingen (ca.1310-1380 ca.) che apprendiamo, accanto alla produzione esclusiva riservata a Conventi e Monasteri, di come cittadine e villaggi iniziassero già allora a pullulare di anonimi Artisti – in gran misura “Miniatori”che, chiamati presso gli stessi “Scriptoria” dei Conventi a collaborare con i Monaci, o in affitto in anguste botteghe, ricevevano commissioni da parte di privati per la realizzazione di “handgemaltes Pergamentbild ”- ovvero “Immagini manufatte dipinte su pergamena”, le preziose “miniature” ricercatissime da tutti i Collezionisti.
Lo Spamer aggiunge anche con nota di vivo rammarico, che tale comprensibilmente limitata produzione manufatta di Immagini devozionali -databile dunque del sec.XIV- è purtroppo andata persa e necessariamente si dovrà far riferimento alla feconda produzione dei successivi secc. XV, XVI, XVII e XVIII, - peraltro come facilmente deducibile - seppur con tecniche diverse, creata sull‘ impronta originaria dell‘epoca anzidetta.
Antesignano di una produzione assolutamente originale e tipicamente caratteristica- sin dalla prima metà del sec.XVII fino quasi agli inizi del successivo - di Fiandre ed Olanda, consistente in applicazioni decorative “à collage“ su carta e pergamena di piccoli fiori stilizzati realizzati su tessuto dagli inconfondibili colori rosso-mattone, giallo ocra e verde oliva, meglio noti con il nome di “Goldpapiersterne“- Stelle d‘oro su carta- Petrus Clouwet (1629-1670) – Artista realizzatore dell‘ incantevole “Ecce Homo“ degli amici Lucio e Patrizia- insieme ad altri illustri incisori fiamminghi, quali Theodoor van Merlen, i Galle e Jacobus de Man, estese la fama delle stesse con grande successo fino in Svizzera, Austria e Germania Meridionale.
Allievo negli anni 1643-44 dell‘ insigne incisore anversano Theodoor van Merlen (1624-1671), e celebrato egli stesso, giovanissimo, nel 1645 come valente ed apprezzato Mastro-Incisore, si unì in matrimonio nello stesso anno con Jacoba Bouttats- figlia di Frederick Bouttats, altro importante incisore fiammingo.
E‘alla luce di un piccolo dettaglio incollato da Petrus Clouwet quasi tre secoli e mezzo fà sulla meravigliosa pergamena della loro Collezione che, gli amici Lucio e Patrizia, con grande finezza annunciano a tutti i Collezionisti e agli Amici che seguono il Blog la prossima Pasqua: il piccolo melograno stilizzato sopra la testa del Cristo, da sempre nell‘ Iconografia Religiosa simbolo di Resurrezione e di Vita.




Buona Pasqua a tutti !

Paola e Renato

1 commento:

  1. Lucio e Patrizia Grandi31 marzo 2010 23:35

    Gentilissima Paola,
    che grande piacere abbiamo provato all'apparire sul blog con il nostro Santino "ECCE HOMO" e quale soddisfazione nel leggere nella bellissima recensione dell'importanza oltre che artistica anche storica culturale dell'incisione di Clouwet.
    Grazie ancora Paola per aver dato visibilita ad un frammento della nostra modesta raccolta.
    cordialmente,
    Lucio&Patrizia

    RispondiElimina